L’ESERCITO AL GAME FAIR 2018

L’ESERCITO AL GAME FAIR 2018

Abbraccio dei visitatori allo stand Esercito.

Istruttori MCM del 187°: i graduati Antonio Citi, Daniele Pilagatti e Gianluca Bianco

Un’accoglienza calorosa la compagine dell’Esercito Italiano che ha preso parte alla 29^ edizione del Game Fair, conclusasi il 9 settembre presso il polo fieristico di Grosseto.

Lo speakeraggio ha introdotto e illustrato, lo svolgimento della dimostrazione MCM, le azioni, articolate in più fasi.

Si tratta del più importante evento in Italia dedicato alla caccia, al tiro sportivo e alla vita all’aria aperta, unico esempio di festa campestre in Italia, che ogni anno richiama migliaia di appassionati nella cornice della Maremma Toscana. Il Reggimento “Savoia Cavalleria” (3°), anche quest’anno, ha accolto l’invito del Comitato organizzatore.

La manifestazione, molto conosciuta sul territorio e con una profonda risonanza a livello nazionale, vede la partecipazione tra l’altro delle più rilevanti aziende di armi italiane, e non solo. Numerosa l’affluenza dei visitatori allo stand dove, i cavalieri paracadutisti, hanno illustrato veicoli, armi e materiali in uso all’Esercito. Uomini, donne e bambini di ogni età hanno fatto tappa presso l’area dedicata alla Forza Armata, presso la quale hanno potuto indossare realmente un paracadute e visitare l’interno di una autoblindo armata “Centauro” e toccato con mano il “Lince”, in mostra nel piazzale principale della Fiera. Quest’anno ,la Brigata paracadutisti “Folgore” ha dato un ulteriore contributo, inserendo una dimostrazione pratica del metodo di combattimento militare (MCM).

Momenti di simulazione operativa MCM

Gli istruttori del 187° Reggimento Paracadutisti, C.le Magg. Capo Scelto Daniele Pilagatti, C.le Magg. Capo Scelto Antonio Citi e il C.le Magg. Capo Scelto Bianco Gianluca insieme ad altri elementi giunti dagli altri reparti della Brigata, hanno illustrato, ad un folto ed interessato pubblico, questo sistema di combattimento a distanza ravvicinata che risponde alle peculiari esigenze operative militari e che, dal 2014, è diventato ufficialmente il sistema di combattimento corpo a corpo della Forza Armata.

Nella conferenza stampa di apertura gli organizzatori e le autorità locali hanno sottolineato più volte l’importanza della presenza dell’Esercito “in quanto espressione sana delle professionalità del Paese, che grazie ai suoi uomini e donne, riesce a conferire un valore aggiunto alla manifestazione”.

Tratto dal sito web ufficiale: http://www.esercito.difesa.it/comunicazione/Pagine/Esercito-Game-Fair-2018_180911.aspx

 

SULLE ORME DELL’ ATLETA MILITARE: I FOLGORINI AL CENTRO OLIMPICO SPORTIVO DELL’ESERCITO

SULLE ORME DELL’ ATLETA MILITARE: I FOLGORINI AL CENTRO OLIMPICO SPORTIVO DELL’ESERCITO

“Eccellenza” è la nota di merito attribuita al Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito – CSOE di Roma, che nella giornata di martedì 18 si è avviato l’iter formativo di alto profilo mirato agli atleti in forza all’Esercito Italiano, con una serie di allenamenti e raduni tecnici rivolta alla disciplina del Karate FIJLKAM – Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, in previsione degli impegni internazionali orientati al circuito di qualificazione per le “Olimpiadi di Tokyo 2020”.

I folgorini della ASD Esercito – Folgore di Livorno in allenamento al Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito di Roma

Nella programmazione e progettazione del Centro rientra anche l’obiettivo di coltivare il “Settore Giovanile” costituito dall’ Associazione Sportiva Dilettantistica Esercito – 187° reggimento paracadutisti “Folgore” in stanza a Livorno. La formazione dedicata specificatamente al vivaio,  ha il compito e il fine di educare i giovani “folgorini” non solo al perfezionamento delle capacità tecnico-sportive, ma anche al loro progresso umano e sociale, attraverso l’elevazione dei valori di lealtà e rispetto alla base dei principi dello sport.

“Tecnici con le Stellette”

In questo panorama del “Karate di Forza Armata”, i “Tecnici con le Stellette” il  Caporal Maggiore Scelto Daniela Berrettoni (per la specialità del Kata “forme”) e il Caporal Maggiore Scelto Nello Maestri (per la specialità del Kumite “combattimento”) hanno condotto oltre 4 ore di allenamento suddiviso nelle due sessioni, mattutina e pomeridiana, a cui hanno preso parte gli atleti del settore giovanile “Folgore”. L’iniziativa ha dato opportunità ai folgorini di allenarsi con gli atleti seniores, modelli di prestazione, i campioni Angelo Crescenzo, Silvia Semeraro, Lisa Pivi e Terryana d’Onofrio (tutti Graduati).

La giornata si è articolata secondo il progetto denominato “Sulle orme dell’Atleta Militare” avanzato dalla ASD 187°, con lo scopo di elevare i principi umani e tecnici nel trascorrere la “giornata tipo” a cui si presta l’atleta professionista dell’Esercito Italiano. Guidano la trasferta e il proseguimento del “modus operandi” i tecnici di Livorno il Caporal Maggiore Capo Scelto paracadutista Antonio Citi e il Caporal Maggiore Capo Scelto paracadutista Daniele Pilagatti.

TERMINATO A PISA IL 10mo CORSO ISTRUTTORI DI MCM

TERMINATO A PISA IL 10mo CORSO ISTRUTTORI DI MCM

10° Corso MCM

 Si è concluso a Pisa, presso il Centro Addestramento Paracadutismo il 10° Corso Istruttori del Metodo di Combattimento Militare (MCM), unico sistema da combattimento “corpo a corpo” adottato da qualche anno dall’Esercito Italiano.

Riceve il C.te Col. Alessandro Borghesi la visita del dott. Emilio Appiana

A fronte di un numero di oltre 100 candidati provenienti da tutti i Reparti della Forza Armata, 42 sono stati i militari selezionati che hanno preso parte al Corso della durata di sette settimane e consistente nell’addestramento volto all’acquisizione delle capacità tecniche e didattiche richieste alla figura dell’Istruttore.

Alla fine sono stati 24 i militari che hanno superato con successo tutto l’iter addestrativo conseguendo la qualifica di Istruttore di 1° livello di Metodo di Combattimento Militare.
Tra essi, a testimonianza della rilevanza del Corso anche un paracadutista statunitense in servizio presso la 173rd Airborne Brigade Combat Team – Sky Soldiers U.S.Army.

In occasione della chiusura del Corso, il Comandante del Centro, Colonnello Alessandro Borghesi, ha ricevuto la visita del Dott. Emilio Appiana, titolare dell’azienda “JUTE SPORT” già ospite, nel giugno del 2014, alla presentazione del MCM presso il 187° Reggimento paracadutisti “Folgore” di Livorno (Reparto pilota del progetto).

Dott. Emilio Appiana – Jute Sport

Il Metodo di Combattimento Militare costituisce una delle capacità acquisite dal personale impiegato nell’ ambito dell’Operazione Strade Sicure ed il dott. Appiana ha voluto testimoniare il proprio apprezzamento e la propria vicinanza all’ Esercito, in riconoscimento alle capacità professionali ed operative dimostrate quotidianamente dai militari per la sicurezza del Paese fornendo ad ogni singolo corsista un pacchetto “equipaggiamento di sicurezza” costituito da un caschetto e da guanti da allenamento.